Seguici su Google+

martedì 6 aprile 2010

DANNI COLLATERALI, Wikileaks on Iraq.
Sul sito d'informazione anonima il video dell'assassinio di due report Reuters e vari civili in Iraq


(Doppio click sul player video per passare all'interfaccia Youtube)

Il 5 aprile 2010, alle 10;44 EST WikiLeaks*, il famoso sito d'informazione anonima, diffonde il video di un'indiscriminata strage di civili da parte di un elicottero Apache dell'esercito americano in un sobborgo di Baghdad. Tra i morti sono inclusi due report dell'agenzia Reuters, i cui teleobbiettivi delle macchine fotografiche sono stati scambiati per armi dai piloti dell'Apache.

Una dozzina le vittime, tra cui due bambini feriti ai quali i comandi militari americani rifiuteranno il soccorso negli ospedali militari statunitensi per dirottarli invece nelle fatiscenti strutture iraqene.

I militari non avevano fin'ora rivelato come erano stati uccisi i reporter della Reuters, e avevano aggiunto di non sapere come i due bambini erano rimasti coinvolti. Dopo le richieste dell'agenzia stampa, fu aperta un'inchiesta sull'incidente e l'esercito americano concluse che i soldati avevano agito secondo le leggi di guerra e in accordo con le "regole d'ingaggio".

Di conseguenza WikiLeaks ha pubblicato le norme relative alle "regole d'ingaggio" del 2006, 2007 e 2008, rivelando queste regole prima, dopo e durante l'episodio adesso documentato dal video girato direttamente dall'elicottero d'assalto.

Il sito ha pubblicato la versione originale di 38 minuti e una versione ridotta di 17 con una breve analisi iniziale e i sottotitoli delle trasmissioni radio intercorse tra i comandi e l'equipaggio dell'Apache.
(da www.collateralmurder.com)

* Wikileaks (da leak, "fuga di notizie" in inglese) è un sito internet che dà spazio all'invio di materiale classificato e riservato, in genere documenti di carattere governativo o aziendale, da parte di fonti coperte dall'anonimato. Il progetto si occupa di preservare l'anonimato degli informatori e di tutti coloro che sono implicati nella "fuga di notizie".
Wikileaks vuole essere "una versione irrintracciabile di Wikipedia che consenta la pubblicazione e l'analisi di massa di documentazione confidenziale". Lo scopo ultimo è quello della trasparenza da parte dei governi quale garanzia di giustizia, di etica, di una più forte democrazia.
Il sito è curato da dissidenti del governo cinese, scienziati, attivisti, giornalisti; i suoi obiettivi primari sono le nazioni dell'ex Unione Sovietica, dell'Africa sub-sahariana e del Medio Oriente. Comunque i cittadini di ogni parte del mondo possono e sono invitati ad inviare materiale "che porti alla luce comportamenti non etici di governi e aziende".
Gran parte dello staff del sito, come gli stessi fondatori del progetto, rimangono per ora anonimi.
(Fonte Wikipedia)

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...