Seguici su Google+

mercoledì 18 maggio 2011

FUSIONE FREDDA: "FA QUASI DA SOLA"
L'esperimento di due italiani produce energia e non è una reazione chimica.



Petrolio alle stelle e referendum sul nucleare. Pannelli solari, vento e gas. Due scienziati italiani, la coppia Rossi Focardi, potrebbe essere sul punto di spazzare via tutto ciò, relegare queste tecnologie a un'altra epoca e risolvere molti dei problemi che affliggono l'umanità. Parliamo di energia a prezzi stracciati, parliamo di FUSIONE NUCLEARE FREDDA.

Nel servizio pubblicato da Skytg24 si vede una sorta di bollitore gigante (all'apparenza neanche composto dai materilai più all'avanguardia) in grado di produrre, a una temperatura di 100 c°, energia dalla fusione dell'idrogeno con il nichel. Il risultato sono particelle di rame.

L'esperimento funziona. La comunità scientifica si sta interrogando su come ciò sia possibile, si tenta l'interpretazione di un processo che non è facile spiegare ma tutti concordano sul fatto che tanta energia non può essere il risultato di una reazione chimica.

E' dal 1994 che lo scienziato Sergio Focardi, poi con Andrea Rossi, lavorano al progetto e adesso, nell'incredulità generale, qualcosa sembra dar vita a quella che è molto più di una speranza. A finanziare il progetto sarebbe un'ente di ricerca greco. Quali conseguenze prevedere se il sogno si avverasse è difficile a dirsi: probabilmente la Grecia risolverebbe il problema del debito internazionale e con esso tutti gli equilibri geopolitici mondiali verrebbero stravolti.

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...